Fashion

Passione jeans: i più giusti per noi 50enni e oltre

Condividi su:

La primavera si avvicina a grandi passi, scatta la voglia di alleggerire il guardaroba dai colori scuri e dai tessuti pesanti:e il primo indumento a cui si pensa come jolly della stagione è proprio lui. Il jeans!
Potrebbe però sorgere un dubbio: “il jeans farà ancora per me, che ho superato i 50 anni da un pezzo?” – “potrei sembrare una che ha voglia di fare la ragazzina?”
Dissipiamo subito ogni timore: il jeans è un evergreen che possiamo permetterci di indossare sempre, indipendentemente dall’età e dalla nostra conformazione fisica, scegliendo modello e colore giusto!

D’altra parte vediamo tante celebrities indossare questo capo con estrema disinvoltura sfoggiando uno stile impeccabile. Possiamo farlo anche noi comuni mortali!

L’influencer Linda Wright

Certamente ci vorrà qualche piccolo accorgimento di stile; considerando che il corpo ha sicuramente subito qualche trasformazione nel corso degli anni, è più che mai importante essere consapevoli dei propri punti di forza e dei propri difetti per valorizzarsi al meglio.
Le donne dal fisico ancora asciutto non hanno limiti rispetto ai modelli, anche se quello che dona di più perché segna bene la vita e riempie otticamente i fianchi è il modello a vita alta. Per tutte coloro che hanno invece fianchi più morbidi e pronunciati la vita bassa è sicuramente una scelta migliore, ma attenzione a non eccedere! Anche perché la vita troppo bassa è decisamente out, a tutte le età.
La scelta più democratica in assoluto dunque, quella perfetta per tutti i tipi di fisico e sempre di gran gusto, è la vita standard, né troppo alta, né troppo bassa, che scende sotto la linea dell’ombelico di circa 3 cm.

Riguardo il colore e il lavaggio, la regola da seguire è una sola: discrezione. Sì al blu classico solo leggermente delavato e al nero, senza borchie, strappi o ricami eccessivi. Insomma, sempre meglio mantenersi sul classico.
Vediamo però quali sono le alternative possibili, al di là del taglio classico:
tra tutti lo skinny è senz’altro il modello più amato ma attenzione! Per poterselo permettere bisogna avere belle gambe affusolate, con caviglie sottili e polpacci non troppo grossi.
Per tutte coloro che hanno invece bisogno di slanciare la figura e che hanno fianchi importanti meglio optare per un jeans a trombetta o a zampa. Anche il “flared” (più ampio del pantalone a zampa) è una scelta furba e molto trendy. (e se il pantalone ampio è il tuo preferito qui trovi le dritte per indossare al meglio il pantapalazzo)
Il modello “boyfriend”, poi, più sportivo e maschile, è da indossare eventualmente abbinandolo a capi classici come il blazer blu e la camicia bianca, per scongiurare l’effetto “finta adolescente”.

Anche per gli abbinamenti è bene seguire qualche regola: per non sbagliare evitiamo di accostare al jeans capi troppo “sbarazzini” come t-shirt con stampe eccessive o top troppo scollati. Meglio accostarlo con maglie stile marinière, belle camicie di taglio maschile, lupetto o t-shirt classiche, e giocare con gli accessori. Indispensabile scegliere sempre i colori presenti nella nostra palette ideale, che riusciranno ad illuminarci e renderci belle e sofisticate anche con i capi basic.
Infine il nostro amato jeans potrà di certo rivelarsi una scelta impeccabile anche per un’aperitivo o una serata elegante ma non troppo formale: basta abbinarlo a sandali gioiello e una bella clutch laminata oro o argento, un bel foulard e un solo gioiello importante, e il gioco è fatto! Senza dimenticare l’accessorio più importante: la nostra personalità!

Pronte ad indossare i primi jeans di stagione? Io ho già cominciato!

E se pensate che questo articolo possa interessare le vostre amiche inviateglielo o condividetelo!


Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *